Lo Studio Legale Nappo nasce con l’obiettivo di offrire alla Clientela assistenza e consulenza con particolare attenzione alle questioni riguardanti il diritto commerciale e societario, la protezione dei dati, i marchi e brevetti, nonché del diritto del lavoro e previdenziale, offrendo al cliente strumenti validi e continuità del servizio, serietà, competenza, preparazione e celerità d’azione per rispondere in tempo reale alle problematiche sottoposte. L’attività professionale offerta è sia di carattere stragiudiziale, sia di carattere giudiziale avanti a tutte le Magistrature. Attualmente l'Avv. Milena Nappo collabora con l'INPS di Ferrara, è nell'organico di ANAS Emilia Romagna ed in quello del Comune di Sant'Agostino, è Consigliere di AIGA Ferrara, è il Vice Presidente del Gruppo CNA Giovani Imprenditori di Ferrara, ed è Data Protection Officer (Responsabile della Protezione dei Dati) di importanti strutture del tessuto imprenditoriale.

IL CONCEPITO HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO DA UCCISIONE DEL GENITORE?

Recentemente la Suprema Corte con sentenza n. 9700/2011 si è espressa accordando anche al soggetto nato dopo la morte del padre causata da fatto illecito di terzi il diritto al risarcimento per il danno patito e patendo da tale mancanza.

Con tale sentenza la Corte dice qualcosa in più rispetto ai precedenti orientamenti giurisprudenziali, non sempre concordi sul punto, e che si fondavano sostanzialmente solo sulle sofferenze patite dalla madre per la morte del marito: sofferente che ben possono degenerare anche in un trauma fisico o psichico, date le condizioni di particolare fragilità fisica e psichica della donna incinta (Corte cost., sentenze n.372 del 1994 e 293 del 1996) e che potevano colpire il concepito indirettamente durante il periodo di gestazione a causa dello stato di prostrazione e sofferenza della madre.












Ti interessa questo articolo? Iscriviti, è la cosa giusta da fare




 



















Il collegio infatti ritiene con la sentenza n. 9700/2011 che "non si ponga alcun problema relativo alla soggettività giuridica del concepito, non essendo necessario configuararla per affermare il diritto del nato al risarcimento e non potendo, d'altro canto, quella soggettività evincersi dal fatto che il feto è fatto oggetto di protezione da parte dell'ordinamento".


Evidenzia infatti la Cassazione come il diritto di credito è vantato dal nascituro in quanto orfano di padre e come tale destinato a vivere senza la figura paterna. Nessun riferimento, pertanto, al trauma potenzialmente subito durante la gestazione.


Va da sè però che tali conseguenze pregiudizievoli si verificano solo a seguito della nascita, momento in cui si concretizza li venir meno del rapporto paterno.

Nessun commento:

Posta un commento