Lo Studio Legale Nappo nasce con l’obiettivo di offrire alla Clientela assistenza e consulenza con particolare attenzione alle questioni riguardanti il diritto commerciale e societario, la protezione dei dati, i marchi e brevetti, nonché del diritto del lavoro e previdenziale, offrendo al cliente strumenti validi e continuità del servizio, serietà, competenza, preparazione e celerità d’azione per rispondere in tempo reale alle problematiche sottoposte. L’attività professionale offerta è sia di carattere stragiudiziale, sia di carattere giudiziale avanti a tutte le Magistrature. Attualmente l'Avv. Milena Nappo è DPO Certificato, ed è inserito nell'elenco dei legali esterni di ANAS Emilia Romagna e del Comune di Terre del Reno, è consigliere del Gruppo Giovani Imprenditori CNA di Ferrara e membro del CID CNA Impresa Donna Ferrara, è consulente per ASPPI Ferrara - Poggio Renatico, e fa parte della prestigiosa associazione Fidapa BPW Italy. Lo Studio Legale Nappo si avvale inoltre della collaborazione professionale degli Avv.ti Federica Corazzari e Daniela Vitali del Foro di Ferrara. L'Avv. Federica Corazzari vanta una consolidata esperienza in materie quali diritto penale, recupero credito, eredità e amministrazioni di sostegno. L'Avv. Daniela Vitali è professionista iscritta nell'Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori che opera proficuamente da oltre dieci anni nei settori del diritto penale, famiglia, separazioni, divorzi e amministrazioni di sostegno.

IL CONCEPITO HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO DA UCCISIONE DEL GENITORE?

Recentemente la Suprema Corte con sentenza n. 9700/2011 si è espressa accordando anche al soggetto nato dopo la morte del padre causata da fatto illecito di terzi il diritto al risarcimento per il danno patito e patendo da tale mancanza.

Con tale sentenza la Corte dice qualcosa in più rispetto ai precedenti orientamenti giurisprudenziali, non sempre concordi sul punto, e che si fondavano sostanzialmente solo sulle sofferenze patite dalla madre per la morte del marito: sofferente che ben possono degenerare anche in un trauma fisico o psichico, date le condizioni di particolare fragilità fisica e psichica della donna incinta (Corte cost., sentenze n.372 del 1994 e 293 del 1996) e che potevano colpire il concepito indirettamente durante il periodo di gestazione a causa dello stato di prostrazione e sofferenza della madre.












Ti interessa questo articolo? Iscriviti, è la cosa giusta da fare




 



















Il collegio infatti ritiene con la sentenza n. 9700/2011 che "non si ponga alcun problema relativo alla soggettività giuridica del concepito, non essendo necessario configuararla per affermare il diritto del nato al risarcimento e non potendo, d'altro canto, quella soggettività evincersi dal fatto che il feto è fatto oggetto di protezione da parte dell'ordinamento".


Evidenzia infatti la Cassazione come il diritto di credito è vantato dal nascituro in quanto orfano di padre e come tale destinato a vivere senza la figura paterna. Nessun riferimento, pertanto, al trauma potenzialmente subito durante la gestazione.


Va da sè però che tali conseguenze pregiudizievoli si verificano solo a seguito della nascita, momento in cui si concretizza li venir meno del rapporto paterno.

Nessun commento:

Posta un commento