Lo Studio Legale Nappo nasce con l’obiettivo di offrire alla Clientela assistenza e consulenza con particolare attenzione alle questioni riguardanti il diritto commerciale e societario, la protezione dei dati, i marchi e brevetti, nonché del diritto del lavoro e previdenziale, offrendo al cliente strumenti validi e continuità del servizio, serietà, competenza, preparazione e celerità d’azione per rispondere in tempo reale alle problematiche sottoposte. L’attività professionale offerta è sia di carattere stragiudiziale, sia di carattere giudiziale avanti a tutte le Magistrature. Attualmente l'Avv. Milena Nappo collabora con l'INPS di Ferrara, è nell'organico di ANAS Emilia Romagna ed in quello del Comune di Sant'Agostino, è Consigliere di AIGA Ferrara, è il Vice Presidente del Gruppo CNA Giovani Imprenditori di Ferrara, ed è Data Protection Officer (Responsabile della Protezione dei Dati) di importanti strutture del tessuto imprenditoriale.

HO DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO SE UN MIO FAMILIARE CONVIVENTE RESTA VITTIMA DI UN SINISTRO STRADALE?

In caso di gravi lesioni subite dal figlio all'esito di sinistro stradale, la Suprema Corte di recente ha ritenuto provata la sofferenza interiore e lo sconvolgimento dell'esistenza dei familiari conviventi, riconoscendo loro il relativo risarcimento del danno.











Ti interessa questo articolo? Iscriviti, è la cosa giusta da fare




 



















Con la sentenza n. 7844, depositata l'8 aprile 2011, la Corte di Cassazione, ha infatti stabilito che, in caso di lesioni subite dal figlio convivente in un incidente stradale il giudice deve ritenere provato il patema d'animo patito anche dalla madre la quale, nel caso specifico, sceglie addirittura di abbandonare il lavoro per dedicarsi alla cura del figlio.



A quanto pare, dunque, il discrimen che consente di ottenere anche ai parenti il risarcimento del danno è la convivenza tra la vittima del sinistro ed il familiare-congiunto, e ciò sulla base del principio di diritto che consente la prova di tale danno sulla base di semplici presunzioni.


Come sostiene la Suprema Corte, in presenza dell'allegazione del fatto-base delle gravi lesioni subite dal figlio convivente all'esito di sinistro stradale, il giudice deve (e non può) ritenere provata la sofferenza interiore e lo sconvolgimento dell'esistenza che per la madre che, lo si ripete, nel caso di specie era non solo familiare, ma anche (appunto) convivente della vittima.


Va da sè, quindi, che incombe alla parte a cui sfavore opera la presunzione dare la prova contraria idonea a vincerla, con valutazione al riguardo spettante al giudice di merito.


Fonte: Suprema Corte di Cassazione, Sezione III, sent. 06.04.2011 n. 7844

Nessun commento:

Posta un commento