Lo Studio Legale Nappo nasce con l’obiettivo di offrire alla Clientela assistenza e consulenza con particolare attenzione alle questioni riguardanti il diritto commerciale e societario, la protezione dei dati, i marchi e brevetti, nonché del diritto del lavoro e previdenziale, offrendo al cliente strumenti validi e continuità del servizio, serietà, competenza, preparazione e celerità d’azione per rispondere in tempo reale alle problematiche sottoposte. L’attività professionale offerta è sia di carattere stragiudiziale, sia di carattere giudiziale avanti a tutte le Magistrature. Attualmente l'Avv. Milena Nappo è DPO Certificato, ed è inserito nell'elenco dei legali esterni di ANAS Emilia Romagna e del Comune di Terre del Reno, è consigliere del Gruppo Giovani Imprenditori CNA di Ferrara e membro del CID CNA Impresa Donna Ferrara, è consulente per ASPPI Ferrara - Poggio Renatico, e fa parte della prestigiosa associazione Fidapa BPW Italy. Lo Studio Legale Nappo si avvale inoltre della collaborazione professionale degli Avv.ti Federica Corazzari e Daniela Vitali del Foro di Ferrara. L'Avv. Federica Corazzari vanta una consolidata esperienza in materie quali diritto penale, recupero credito, eredità e amministrazioni di sostegno. L'Avv. Daniela Vitali è professionista iscritta nell'Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori che opera proficuamente da oltre dieci anni nei settori del diritto penale, famiglia, separazioni, divorzi e amministrazioni di sostegno.

REVISIONE DELLA PATENTE: IN COSA CONSISTE E A COSA SERVE?

La revisione della patente è un rimedio previsto dal legislatore al fine di impedire, in via cautelare, qualsiasi comportamento irregolare del conducente che dia adito a dubbi sulla sua idoneità psicofisica e tecnica alla guida del veicolo. L’esame consiste in una prova di teoria ed in una prova di guida che hanno luogo in un’unica giornata presso la sede dell’Ufficio provinciale della Motorizzazione civile.








Ti interessa questo articolo? Iscriviti, è la cosa giusta da fare.


 














Il provvedimento con cui si dispone la revisione della patente, pertanto, consiste in un provvedimento di tipo discrezionale, adottato per mere ragioni di sicurezza nella circolazione stradale e, come tale, avente funzione cautelativa e non sanzionatoria, che deve essere preceduto dall’avviso dell’inizio del procedimento.

Ovviamente la decisione di sottoporre a revisione la patente di guida deve essere motivata e deve indicare anche i profili di responsabilità nel comportamento dell’interessato che hanno determinato la necessità di procedere alla verifica della sua idoneità tecnica. Tuttavia, costante è la giurisprudenza che indica, stante la natura cautelare del procedimento di revisione della patente, sufficiente a legittimare l’adozione del provvedimento ex art. 128 c.d.s. il mero dato obiettivo costituito dall’accertamento a mezzo etilometro di un tasso alcolemico superiore ai limiti di legge.

Peraltro, non avendo natura di sanzione amministrativa, non è ammessa opposizione ai sensi di cui agli artt. 22-23 L. 689/1981 avverso il suddetto provvedimento.

Nessun commento:

Posta un commento