Lo Studio Legale Nappo nasce con l’obiettivo di offrire alla Clientela assistenza e consulenza con particolare attenzione alle questioni riguardanti il diritto commerciale e societario, la protezione dei dati, i marchi e brevetti, nonché del diritto del lavoro e previdenziale, offrendo al cliente strumenti validi e continuità del servizio, serietà, competenza, preparazione e celerità d’azione per rispondere in tempo reale alle problematiche sottoposte. L’attività professionale offerta è sia di carattere stragiudiziale, sia di carattere giudiziale avanti a tutte le Magistrature. Attualmente l'Avv. Milena Nappo è DPO Certificato, ed è inserito nell'elenco dei legali esterni di ANAS Emilia Romagna e del Comune di Terre del Reno, è consigliere del Gruppo Giovani Imprenditori CNA di Ferrara e membro del CID CNA Impresa Donna Ferrara, è consulente per ASPPI Ferrara - Poggio Renatico, e fa parte della prestigiosa associazione Fidapa BPW Italy. Lo Studio Legale Nappo si avvale inoltre della collaborazione professionale degli Avv.ti Federica Corazzari e Daniela Vitali del Foro di Ferrara. L'Avv. Federica Corazzari vanta una consolidata esperienza in materie quali diritto penale, recupero credito, eredità e amministrazioni di sostegno. L'Avv. Daniela Vitali è professionista iscritta nell'Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori che opera proficuamente da oltre dieci anni nei settori del diritto penale, famiglia, separazioni, divorzi e amministrazioni di sostegno.

QUAL E' LA SORTE DELLE POSIZIONI DEBITORIE E CREDITORIE ALL'ATTO DELLA CANCELLAZIONE DELLA SOCIETA' DAL REGISTRO DELLE IMPRESE?

Recentemente, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate risolvendo alcuni dei numerosissimi dubbi che sussistevano in ordine agli effetti conseguenti la cancellazione delle società.










Ti interessa questo articolo? Iscriviti, è la cosa giusta da fare.


 















Infatti, nel periodo anteriore il 1 gennaio 2004 (ovvero anteriore alla riforma intervenuta nel diritto societario), la cancellazione delle società presso la Camera di Commercio aveva un effetto meramente dichiarativo e la società continuava ad esistere finché non venivano definiti integralmente tutti i rapporti pendenti e riferibili alla società medesima. In pratica, solo con la cessazione di tutti i rapporti giuridici si aveva l’estinzione della società: fintantoché esistevano rapporti debitori e/o creditori da regolare con terzi, vi era una sorta di prosecuzione della capacità e della soggettività delle società commerciali, anche ove fosse intervenuta la liquidazione del patrimonio.











Ti interessa questo articolo? Iscriviti, è la cosa giusta da fare.


 














La riforma del 2003, entrata in vigore il 1 gennaio 2004, ha introdotto l’art. 2495, co. II, c.c., che ha cambiato in maniera radicale gli effetti e le conseguenze derivanti dalla cancellazione della società dal Registro delle Imprese.

La cancellazione diviene l’ultimo onere dei liquidatori e, una volta approvato il bilancio finale di liquidazione, si ha l’estinzione della società, sia essa di persone che di capitali. Pertanto, dopo la cancellazione dal Registro delle imprese, gli eventuali creditori insoddisfatti potranno far valere i loro crediti nei confronti dei soli soci, e nei limiti delle somme da questi percepite in base al bilancio di liquidazione.

Va da sé che il principio cancellazione-estinzione si applica sia alle cancellazioni delle società anteriori all’entrata in vigore della riforma (infatti le società già cancellate ma ancora in vita perché avevano in corso, ad esempio, un giudizio si sono estinte a far data dal 1 gennaio 2004), sia alle cancellazioni intervenute successivamente alla riforma.

Nessun commento:

Posta un commento